Eleonora Cecchini

ISTRUZIONI PER DIVENTARE FASCISTI di Michela Murgia

ISTRUZIONI PER DIVENTARE FASCISTI di Michela Murgia

di Eleonora Cecchini

 ‘Scrivo contro la democrazia perché è un sistema di governo irrimediabilmente difettoso sin dall’origine.’   Hai mai pensato che il cittadino medio sia come un bambino di 12 anni non troppo intelligente? Ti sei mai chiesto come possa uno fare il ministro se non è neanche laureato? Ritieni che le quote rosa siano offensive per le donne? Istruzioni per diventare… continua

LA LUCE DEL DOMANI di Roxanne Veletzos

LA LUCE DEL DOMANI di Roxanne Veletzos

di Eleonora Cecchini

La luce del domani: e se la speranza di una vita migliore coincidesse con l’abbandono di ciò che si ama? Pogrom di Bucarest, 1941. Una coppia di giovani ebrei sta fuggendo per avere salva la vita. Hanno anche una bambina, Natalia, che piange e si dispera, e rallenta loro la fuga. Il padre abbandona la figlia nell’androne di un palazzo, afferra con più… continua

IL CENSIMENTO DEI RADICAL CHIC

IL CENSIMENTO DEI RADICAL CHIC

di Eleonora Cecchini

La parola è un gran dominatore, che con un corpo piccolissimo e invisibile sa compiere cose divine, come calmare la paura, eliminare il dolore, suscitare la gioia e aumentare la pietà. Italia. In un futuro (non troppo) lontano. Un intellettuale è stato invitato ad un talk show televisivo col Primo ministro dell’Interno (sì, avete letto bene, Primo Ministro dell’Interno). Conversazione… continua

Libro game – si può giocare leggendo?

Libro game – si può giocare leggendo?

di Eleonora Cecchini

1.‘C’era una volta un libro game…’. Se siete veri Millennials, state già sorridendo. Quali flashback stanno riaffiorando alla vostra mente? In quali ricordi passati vi state tuffando? Io associo il libro game alla mia prima biblioteca, ai pomeriggi d’estate passati a studiare le mappe, ai dadi, alle letture in solitaria. Al mio barare spudorato (forse ho iniziato lì?) per di… continua

ORA DIMMI DI TE – lettera a Matilda di Andrea Camilleri

ORA DIMMI DI TE – lettera a Matilda di Andrea Camilleri

di Eleonora Cecchini

La lettera alla nipote, Matilda. Ognuno di noi desidera essere ricordato. Per quello che siamo. Non per quello che gli altri dicono di noi. Ognuno di noi brama che una scaglia della propria persona possa oltrepassare il limite imposto della vita, per raggiungere infine le generazioni future. Per curiosità, magari. Per sapere come andrà a finire. O per amore, perché vorremmo… continua

error: