Eleonora Cecchini

Il demolitore di muri

Il demolitore di muri

di Eleonora Cecchini

Stava riordinando i cassetti della scrivania quando gli capitò tra le mani un biglietto da visita. Era perfettamente bianco, con una sola scritta al centro del foglio, di colore nero: Peter Wand, demolitore di muri. E, sotto, un numero di telefono. -Sciocchezze. Lo buttò nel cestino e non ci pensò più.   Il mattino seguente, entrando in ufficio, lo rivide in bella mostra… continua

GLI SQUALI di Giacomo Mazzariol

GLI SQUALI di Giacomo Mazzariol

di Eleonora Cecchini

Squali. Certe specie devono nuotare senza sosta per non soffocare o per non cadere sul fondo del mare. Proprio come i ragazzi del nuovo millennio. Il protagonista di Gli squali è Max, un ragazzo come tanti altri. Figlio unico, ha una famiglia che lo ama e che gli permette di fare ciò che desidera. Ha un gruppo di amici – gli… continua

L’ANULARE di Yoko Ogawa

L’ANULARE di Yoko Ogawa

di Eleonora Cecchini

Un anulare tagliato. Comincia così il racconto della scrittrice giapponese Yoko Ogawa. La protagonista si taglia l’anulare mentre sta lavorando per un’azienda di bibite. Orripilata dal pensiero del suo pezzetto di carne a forma di conchiglia dentro una gazzosa, decide di licenziarsi. Trova un impiego come segretaria dal signor Deshimaru, amministratore tecnico ed esperto della conservazione degli esemplari. Il suo lavoro consiste… continua

ISTRUZIONI PER DIVENTARE FASCISTI di Michela Murgia

ISTRUZIONI PER DIVENTARE FASCISTI di Michela Murgia

di Eleonora Cecchini

 ‘Scrivo contro la democrazia perché è un sistema di governo irrimediabilmente difettoso sin dall’origine.’   Hai mai pensato che il cittadino medio sia come un bambino di 12 anni non troppo intelligente? Ti sei mai chiesto come possa uno fare il ministro se non è neanche laureato? Ritieni che le quote rosa siano offensive per le donne? Istruzioni per diventare… continua

LA LUCE DEL DOMANI di Roxanne Veletzos

LA LUCE DEL DOMANI di Roxanne Veletzos

di Eleonora Cecchini

La luce del domani: e se la speranza di una vita migliore coincidesse con l’abbandono di ciò che si ama? Pogrom di Bucarest, 1941. Una coppia di giovani ebrei sta fuggendo per avere salva la vita. Hanno anche una bambina, Natalia, che piange e si dispera, e rallenta loro la fuga. Il padre abbandona la figlia nell’androne di un palazzo, afferra con più… continua

error: