Claudio Carminati

Claudio Carminati

Addetto stampa

Claudio Carminati

«Dietro la ricerca del fungo c'è la ricerca del senso della vita». Questa citazione - senza dubbio impegnativa - mi aiuta a suggerire come quello del cercatore di funghi sia molto più di un semplice hobby: è un modo di essere, qualcosa che ti ritrovi inciso nel Dna e che ti porti cucito addosso anche una volta messi via scarponi e bastone. Qualcosa in cui si condensano l'esigenza antropologica di un contatto diretto con la terra che ci ha generati e l'indole insaziabile dell'esploratore, che passo dopo passo scruta con attenzione il terreno, sempre pronto a stupirsi rinvenendo i piccoli o grandi tesori che ad ogni anfratto, dosso, avvallamento possono all'improvviso dischiudersi ai suoi occhi. Non saprei identificare con precisione quando io abbia assunto piena consapevolezza di questo tratto fondamentale della mia natura. Posso però di sicuro affermare che ha segnato in modo inequivocabile la mia esistenza ben prima che razionalmente cominciassi a rendermene conto. È così che, negli anni, nel mio cestino sono finiti un diploma di perito informatico, poi una laurea triennale in Lettere, e poi ancora una laurea specialistica in Giornalismo e cultura editoriale. E ora un lavoro che, giorno dopo giorno, mi permette di “giocare” a fare l'informatico, il grafico, il giornalista. Mi lascio allietare volentieri da un bicchiere di buon vino o da una birra artigianale. La botanica mi affascina, la fotografia mi diverte. La montagna è la mia palestra, la cucina il mio centro relax. Il bosco il mio tempio. Rock e metal fanno da colonna sonora alle mie giornate. Mi avvio verso i 30 anni con la stessa curiosità di quando ne avevo 10 e con lo stesso entusiasmo di quando ne avevo 20. Nel cestino c'è ancora posto in abbondanza.

L’Anticamera della morte, opera-testamento di Pinot Gallizio

L’Anticamera della morte, opera-testamento di Pinot Gallizio

di Claudio Carminati

Vasi, brocche, mortai, utensili, una bilancia, un pendolo, persino un teschio, fissati per sempre in una nera immobilità. Compie cinquant’anni l’Anticamera della morte, e a mezzo secolo dalla realizzazione continua a raccontarci la storia di un uomo, quel Giuseppe “Pinot” Gallizio troppo spesso dimenticato nel nostro Paese. Una vera e propria “opera-testamento”, autobiografia a tre dimensioni di un artista eclettico… continua

Biomasse: grave minaccia o fonte energetica del futuro?

Biomasse: grave minaccia o fonte energetica del futuro?

di Claudio Carminati

Le biomasse sono una fonte rinnovabile che consente di produrre energia a prezzi relativamente contenuti. L’utilizzo dei reflui zootecnici per la produzione di biogas limita la dispersione di nitrati sui terreni agricoli. Non solo: la fermentazione di materie organiche in ambiente chiuso evita che il metano prodotto dalla decomposizione finisca nell’atmosfera, aggravando il problema dell’effetto serra.  Ma allora perché nel… continua

Biomasse e biogas: perché tante polemiche?

Biomasse e biogas: perché tante polemiche?

di Claudio Carminati

Molti li considerano fonti energetiche rinnovabili su cui investire massicciamente, in quanto in grado di ridurre in modo considerevole la nostra dipendenza dai combustibili fossili. Altrettanti sono coloro che invece puntano il dito contro gli effetti negativi che un loro utilizzo su larga scala può comportare per l’ambiente e per l’uomo. Da qualunque prospettiva la si voglia inquadrare, quella relativa… continua

Dalla campagna alla piazza: i mercati degli agricoltori

Dalla campagna alla piazza: i mercati degli agricoltori

di Claudio Carminati

Ci sono le zucchine biologiche arrivate fresche fresche dalla Val Ceno. Poco più in là, le pesche provenienti da San Secondo, raccolte già mature e pronte per essere consumate. Lo sguardo passa ad alcune forme di Parmigiano-Reggiano: arrivano dalla zona di Collecchio, direttamente dalla cantina di stagionatura. Non sono le uniche: un’altra bancarella propone quelle prodotte con il latte delle… continua

Sushi sì, ma con attenzione. Tutti i rischi di un fenomeno in crescita

Sushi sì, ma con attenzione. Tutti i rischi di un fenomeno in crescita

di Claudio Carminati

Nighiri, uramaki, hosomaki. Interpellati sul significato di questi termini, molti italiani fino a pochi anni fa probabilmente non avrebbero saputo rispondere, oppure si sarebbero rifugiati in spiegazioni fantasiose e al limite dell’assurdo. Parole come queste, all’inizio del decennio scorso ancora relegate in un immaginario esotico, oggi sono invece entrate a far parte di un lessico comune, patrimonio di un numero… continua

error: